Lettera a Prefetto, Questore e Sindaco sullo striscione di Casa Pound

Gentile signora Prefetto
Egregio signor Questore
Egregio signor Sindaco

p.c. Egregio signor Presidente Comitato Bergamasco Antifascista, Egregio signor Presidente ISREC
Gentile signora, egregi signori
pensiamo non possa restare senza commento e senza risposta l’iniziativa dell’organizzazione neofascista Casa Pound che – al culmine di un periodo in cui ha esibito striscioni e manifesti in tutta la città – lo scorso sabato 26 agosto in pieno giorno ha collocato sul Sentierone uno striscione in cui con le parole “Invece delle strade chiudiamo le frontiere” si contestano le misure di sicurezza adottate dopo i recenti attentati.

 

Ci chiediamo e vi chiediamo, in primo luogo, se l’iniziativa – compresa l’affissione dello striscione su un bene di uso pubblico – fosse autorizzata e da chi. In caso contrario, chiediamo cosa è stato fatto, e quando, per rimuovere lo striscione e identificare i responsabili.

 

Non siamo dell’idea che queste iniziative siano da considerare delle innocue goliardate. I neofascisti, senza alcun controllo, stanno prendendosi spazi e luoghi, come testimoniano le foto che pubblicano regolarmente sulle loro pagine facebook, per inneggiare a miti, persone, idee dei regimi che settant’anni fa la Resistenza italiana ed europea ha sconfitto. La sicurezza con cui si muovono, fino ad affiggere uno striscione in pieno centro e in pieno giorno, denota una preoccupante assenza di controllo e di intervento da parte delle forze dell’ordine, che devono rispondere alle leggi e alla Costituzione che dalla Resistenza  sono nate e che vietano la costituzione sotto ogni forma del partito fascista.

Eppure nelle scorse settimane per opera di diversi gruppi sono apparsi striscioni alla fontana-monumento a Locatelli, al Campo Utili, a Porta San Giacomo, al rondò di Longuelo….

 

Singolare, peraltro, il rozzo cortocircuito con cui i neofascisti tentano di unificare la tragedia degli immigrati con gli attentati di matrice ISIS, ignorando che gli attentatori non giungono sul continente europeo con fragili barconi, ma sono killer finanziati, attrezzati e ben radicati sui territori.

 

Singolare anche che chi inneggia a un regime che ha fatto sanguinarie e sanguinose guerre coloniali, chieda di chiudere le frontiere. Evidentemente devono essere aperte solo verso l’uscita, per i nostri cannoni  (ieri) e i nostri capitali (oggi).

 

Nell’annunciarvi che vi segnaleremo tutti gli episodi di cui verremo a conoscenza, chiediamo che sia aumentata la vigilanza e l’intervento nei confronti di queste organizzazioni di cui sono peraltro ben noti indirizzi e nomi dei responsabili.

 

Distinti saluti

 

Dario Cangelli, presidente della sezione ANPI “Eugenio Bruni,” Bergamo

 

Mauro Magistrati, presidente ANPI provincial

3 pensieri su “Lettera a Prefetto, Questore e Sindaco sullo striscione di Casa Pound

  1. Timoteo

    Il fascismo non è mai morto, nell’anima immonda di questo paese. La guerra Partigiana fu la lotta disperata di pochissimi e desolatamente inutili eroi.

    Replica
  2. Stefano vitali

    Spiace contraddirvi ma i fascismi non sono stati sconfitti dalla resistenza , fenomeno irrilevante dal punto di vista militare, ma dai bombardamenti angloamericani sulle citta’ europee.
    Studiate la storia! Vivete in un mito che vi siete creati ma fuori salla realta’

    Replica
    1. maurizio angelini

      Eh, no, la Resistenza in Europa ha creato numerosi problemi militari ai nazisti occupatori e ai vari fascisti collaborazionisti: dalla Jugoslavia alla Francia, dall’Olanda alla Norvegia, dalla Polonia all’URSS, dalla Grecia all’Italia. La prova sono formazioni militari che ” di mestiere”facevano la guerra ai partigiani e ai civili che li sostenevano e i morti,resistenti e civili che qeste formazioni militari hanno fatto.
      Ma quello che Stefano Vitali ha rimosso-e lo capisco!- è una minima consapevolezza delle ragioni delle Resistenze, di tutte, di tutti, di ovunque e di quelle ( chiamamole ragioni) per cui combattevano, uccidevano e si facevano ammazzare nazisti e fascisti.
      Appunto, Vitali, studia la storia: leggi le realizzazioni e le intenzioni ( per fortuna andate a vuoto) di nazisti e fascisti.

      Replica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *